Mustang Sulphur Spring Chief in California

Alla scoperta degli ultimi cavalli selvaggi nel mondo

Volete vivere emozioni alla scoperta degli ultimi cavalli selvaggi? Unitevi alle nostre esperienze di Wild Horse Watching accompagnati da esperti etologi e guide specializzate.
Nel 2004 Animantia avviò in anteprima il progetto Wild Horse Watching con le prime osservazioni dei Mustang nelle riserve americane. Elena Bajona, etologa e comportamentista equina applicata assieme a Jason Buckingham, cowboy professionista e equine behaviourist trainer hanno iniziato a coinvolgere gruppi di persone interessate ad osservare i cavalli selvaggi nelle riserve dell’Idaho, del Montana e del Colorado.
Perché studiare i cavalli selvaggi?

Dalle attività di osservazione dei cavalli selvaggi ha iniziato una minuziosa raccolta di dati preziosi che venivano poi studiati comparandoli con il comportamento dei cavalli “scuderizzati” e allevati dall’uomo. A seguito di ciò l’Accademia Animantia ha messo in atto una rinnovata formula di insegnamento basata esclusivamente sul comportamento naturale dei cavalli senza confondere così quello che viene considerato naturale per l’uomo e non per il cavallo. L’approccio uomo-cavallo si è quindi ridefinito come più che naturale e ogni metodologia di addestramento si è raffinata in particolar modo nel lavoro di risoluzione dei problemi comportamentali dei cavalli (problem solving).

Qual’è la nostra missione?

La nostra missione è quella di preservare i cavalli selvaggi nel mondo e aiutare le persone a capire la loro vera natura. I nostri professionisti credono fortemente che l’osservazione e lo studio dei veri cavalli selvaggi nel loro ambiente naturale è un modo unico per capire e imparare il loro comportamento e la loro vita emotiva / sociale.

A chi sono rivolte le nostre iniziative? Le attività sono rivolte sia a ricercatori / studenti che ad appassionati.

Wild Horses in Italy

Progetto di Elena Bajona ed Elena Gagliani

Per la tua privacy Vimeo necessita di una tua approvazione prima di essere caricato. Per maggiori informazioni consulta la nostra Privacy Policy.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto

Tutte le nostre attività si svolgono periodicamente in Europa, USA, Canada, Australia, Namibia e Mongolia

CALENDARIO 2021

Aprile – Giugno
  • 18 Aprile Toscana – una giornata di totale immersione con i cavalli selvaggi
  • 25 Aprile Liguria – una giornata di totale immersione con i cavalli selvaggi
  • 1-2 Maggio Liguria – due giornate studio
  • 5-6 Giugno Toscana – due giornate studio
  • 20 Giugno Liguria – una giornata di totale immersione con i cavalli selvaggi
  • Giugno in Portogallo e Spagna (date da confermare)
Wild Horse Watching nel mondo - Animantia

Nel 2010 gli stessi fondatori del progetto trovarono un luogo particolare dove scoprirono dei veri cavalli selvaggi anche in Italia e precisamente in Liguria. Il luogo esplorato fu paragonato al Wyoming (https://www.ilsecoloxix.it/levante/2010/08/04/news/l-aveto-sembra-il-wyoming-1.33075381)

Un’opportunità unica poichè alcuni dei branchi censiti erano davvero selvaggi. Fu quindi organizzato subito un gruppo di studenti per la prima attività di Wild Horse Watching anche in Italia che si svolse nell’ottobre del 2010. Da questa data in poi l’accademia Animantia ha svolto periodicamente sessioni di osservazione dei cavalli con i loro studenti in Liguria.

Nel 2012 il progetto ebbe il patrocinio del WWF e le giornate di osservazione dei cavalli vennero aperte anche al pubblico.

Articolo Cavallo Magazine Febbraio 2014

I cavalli Selvaggi in Liguria – Cavallo Magazine, Febbraio 2014

I cavalli Selvaggi in Liguria - Cavallo Magazine, Febbraio 2014

I cavalli Selvaggi in Liguria – Cavallo Magazine, Febbraio 2014

Il mustang, cavallo selvaggio americano, che corre libero nelle grandi distese con la criniera spazzata dal vento, è stato a lungo un potente simbolo del West americano, in particolare nel cinema e nella letteratura. Protetti sin dalla metà del XX secolo (i ranchers dell’ovest, sostenendo che i cavalli rubano preziose risorse di pascolo ai bovini, hanno iniziato a uccidere le mandrie), i cavalli selvaggi di tutte le razze hanno una bellezza maestosa che li rende un’attrazione unica per gli amanti degli animali e della natura.
Sin dal 2004 organizziamo osservazioni di questi cavalli selvaggi aiutandoli a sopravvivere contro la controversa gestione che viene fatta dal ’60 in poi.
Oggi ci sono circa 60.000 cavalli selvaggi che vivono liberi negli Stati Uniti e in Canada messi insieme.
Vi invitiamo a visitare e osservare con noi i cavalli selvaggi dell’America del Nord. Ecco alcuni dei luoghi dove ci rechiamo durante tutto l’anno per vedere i cavalli selvaggi:

Proprietà private in California
Su 810 ettari di paradiso per cavalli sulla costa centrale della California, 72 cavalli selvaggi e 16 burros vivono liberi. I cavalli dell’Hart Mountain National Antelope Refuge nel sud-est dell’Oregon, insieme ad altre gruppi familiari, abbelliscono le splendide colline con vista sull’oceano in lontananza.
In un santuario privato di 120 ettari dedicato ai cavalli selvaggi, diverse mandrie di Mustang americani vivono libere. Cavalli che sembrano letteralmente usciti dalle pagine di un libro di storia – come i discendenti dei cavalli della Missione spagnola di Padres Kino, il branco dei Sulfur Springs, il tipo Iberico Sorraia e la rara Cerbat Mustang spagnolo. Poi, sulle colline, vivono i discendenti della cavalleria e i cavalli da ranch del Great Basin e di altre zone selvagge su terre pubbliche dell’ovest. Il santuario è anche sede di asini selvaggi che vivono nella romantica foresta di querce.

Virginia Range, Nevada
Il Nevada è patria di quasi la metà della popolazione dei cavalli selvaggi in America. Molti di questi cavalli fanno parte del branco Virginia Range, che occupa una zona nella parte occidentale dello stato.

Parco nazionale Theodore Roosevelt, North Dakota
Il mustang è spesso usato come simbolo vivente e traspirante dell’ovest americano. Questo simbolismo è in mostra al Parco Nazionale Theodore Roosevelt di 28.517 ettari, che ospita 100-200 cavalli in libertà, che possono essere visti al pascolo e al galoppo attraverso i calanchi del Dakota.

The Pryor Mountains, Montana & Wyoming
Le montagne Pryor ospitano circa 160 cavalli liberi, che vivono per lo più nella regione nord-orientale della regione montuosa vicino al Bighorn Canyon. Molti dei cavalli mostrano segni distintivi – una lunga striscia dorsale lungo la schiena e una colorazione “zebrata” sulle zampe – e sono più piccoli del cavallo selvaggio medio.

Outer Banks, North Carolina
C’è stato un tempo in cui i cavalli selvaggi delle Outer Banks della North Carolina erano migliaia, ma il recente aumento di popolarità di questa regione balneare ha avuto un impatto drammatico. Oggi si teme che questi cavalli (in particolare la mandria della Corolla, che ha solo 60 esemplari rimasti) non rimangano molto a lungo.

Isola Assateague, Virginia & Maryland
I cavalli di Assateague hanno ricevuto per la prima volta l’attenzione di tutto il mondo grazie al libro di successo di Marguerite Henry del 1947, Misty di Chincoteague. Bellissimi e resistenti, questi cavalli sono diventati immensamente popolari e enormi turisti attirano l’attenzione per le aree circostanti.
Mentre oltre 300 pony in totale vivono liberi sull’isola, in realtà sono divisi in due branchi diversi. I cavalli del Maryland, che scorazzano per l’Assateague Island National Seashore, sono seguiti dal National Park Service. I cavalli della Virginia, che pascolano al Chincoteague National Wildlife Refuge, sono seguiti dalla Chincoteague Volunteer Fire Company.

VENITE CON NOI IN QUESTI PARADISI PER CAVALLI E CONTRIBUIRETE A PRESERVARE I MUSTANG AMERICANI!

Gli ultimi cavalli selvaggi in Africa

I cavalli selvaggi del Namib sono senza dubbio l’unica mandria di cavalli selvaggi rimasti in Africa. La storia dei cavalli del deserto del Namib è piuttosto unica e incredibile. Da tempo i professionisti di Animantia divulgano un documentario che narra questa loro storia.
Una teoria plausibile si riferisce all’occupazione tedesca del Sud-Ovest africano dove era necessario un grande numero di cavalli per la cavalleria. Un eccentrico nobile tedesco, il barone Hans-Heinrich von Wolf, creò un centro di allevamento di cavalli nel suo stravagante castello, Duwisib, ai confini del deserto. Una volta che il barone partì per la prima guerra mondiale in Europa nessuno si prese cura degli oltre 300 cavalli e dopo la sua morte molti branchi scapparono e divennero selvaggi vivendo nel veld intorno a Duwisib fino al 1950. E probabilmente alcuni di loro percorsero 150 chilometri a sud-ovest fino ad arrivare all’acqua di Garub.
È anche probabile che alcuni dei cavalli selvaggi provenissero dai monti Schutztruppe, così come da quelli appartenenti a un corpo di spedizione sudafricano che prese il controllo della linea Lüderitz-Keetmanshoop durante la prima guerra mondiale.
La preservazione dei cavalli selvaggi nel Parco Namib-Naukluft ha suscitato polemiche. Alcuni sostengono che i cavalli hanno un valore storico e scientifico e che non dovrebbero essere rimossi, molti altri pensano che i cavalli, come specie non autoctona, competano con la fauna indigena (principalmente orici, gazelle e struzzi) per la vegetazione rada. In effetti, c’è poca o nessuna prova di competizione tra i cavalli e gli animali selvatici, e i primi occasionalmente pascolano a pochi metri di distamza dagli orici e dalle gazelle senza alcuna interazione apparente. Gli orici si allontanano dalla pozza d’acqua quando i cavalli si avvicinano e viceversa, ma a volte entrambe le specie bevono insieme. Essendo relativamente indipendenti dall’acqua, la fauna autoctona si estende su territori molto più ampi di quelli dei cavalli, quindi la presenza di quest’ultimi non ha probabilmente alcun impatto significativo sul numero della fauna nel parco.
I cavalli selvaggi del Namib sono unici nel senso che sono stati isolati per diverse generazioni. La loro resistenza, a fronte di condizioni climatiche estremamente rigide, è straordinaria, così come il fatto che sono stati in grado di aggirare il problema vitale della disponibilità di cibo e acqua adattando il loro comportamento e la loro ripartizione del tempo. Per questi motivi, se non altro, meritano meraviglia e ammirazione!

http://www.thetravelnews.it/2013/07/wild-horse-watching-2/

“Il Takhi”
Nella “valle dei cavalli selvaggi” in Mongolia – al confine settentrionale della riserva naturale del Gobi B, in una regione chiamata il Dzungarian Gobi, possiamo osservare il cavallo Takhi (che significa “Spirito”), l’unico cavallo mai addomesticato che esiste ancora nella sua vera forma genetica, chiamato anche il cavallo di Przewalski o il cavallo selvaggio mongolo. Considerato estinto alla fine del XX secolo, il piccolo branco sopravvissuto in cattività è stato reintrodotto nel suo ambiente naturale.
La riserva naturale dei Gobi B è di 12.000 chilometri quadrati di semi deserto, una pianura rocciosa circondata da montagne e interrotta da cespugli e affioramenti rocciosi. I ruscelli sotterranei chiamati “Gobs” (che danno il nome al Gobi) alimentano sorgenti che forniscono una fonte d’acqua periodica, sufficiente a sostenere una considerevole biodiversità. Alcune sorgenti sono attive tutto l’anno, sostenendo alcune zone di pascolo. I campi di Saxaul , un arbusto legnoso, forniscono cibo in inverno. Durante l’estate le mandrie rimangono vicino a una fonte d’acqua, ma nel momento in cui arriva la prima neve, diventano completamente indipendenti.
Dal 1997, i takhi si riproducono con successo in natura, anche se gli animali in cattività sono stati deliberatamente introdotti per integrare i branchi selvaggi a Takhin Tal. A partire dall’inverno del 2007, 115 takhi vagavano liberi nel Dzungarian Gobi, inclusi 76 animali nati in natura. Questi numeri sono particolarmente significativi poiché i modelli informatici suggeriscono che un gruppo di 100 cavalli liberi è considerato una popolazione vitale, biologicamente resistente e meno soggetta a catastrofi naturali che potrebbero spazzare via un gran numero di takhi.
Oggi, tutti i cavalli di Przewalski discendono da 9 dei 13 cavalli catturati nel 1945. Questi stessi cavalli discendono da circa 15 catturati intorno al 1900. È una popolazione a collo di bottiglia estremo, ma in qualche modo le popolazioni crescono man mano che i cavalli selvaggi non si arrendono di fronte alle estreme condizioni climatiche. Ci sono voluti più di 70 anni e un enorme sforzo internazionale, ma questi cavalli selvaggi stanno finalmente tornando in libertà, a cui appartengono! Ne vale la pena andarli a trovare e respirare la loro felicità.

CONTATTACECI PER ESPERIENZE PERSONALIZZATE

Le più remote colonie di cavalli selvaggi in Nord America – Sable Island, Nova Scotia, Canada

A circa 100 miglia dalla costa della Nuova Scozia si trova la remota isola di Sable che è diventata famosa anche per le centinaia di cavalli che vivno nell vasto paesaggio sabbioso.
Mentre l’esatta origine dei cavalli è ancora un mistero, gli scienziati teorizzano che sono i discendenti di quelli sequestrati dagli inglesi quando furono espulsi gli Acadiani nella metà del XVIII secolo. A causa delle durissime condizioni, molti degli altri animali morirono mentre i cavalli sopravvissero, vagando liberi lungo le dune di sabbia di Sable Island. Oggi, v’è una qualche polemica sul fatto che i cavalli possano rimanere rimanere lì, non essendo nativi ma ci sono anche delle ipotesi che sostengono che sia l’ecosistema che i cavalli si sono adattati l’un l’altro.
Nel 2013, Sable Island è diventata ufficialmente un parco nazionale canadese, sebbene l’area non sia particolarmente accessibile, ma può essere raggiunta solo in aereo o in nave.